Storia

GLI INIZI

La sua nascita si fa risalire al 1925, ma ad Aversa il gioco del calcio ebbe origine nel 1920. In quell’anno, nell’odierna piazza Trieste e Trento (detta del Quartiere per una caserma che ospitava un Reggimento di Cavalleria) si svolgevano le prime partite di calcio, grazie ai militari che nel tempo libero si divertivano a tirare calci al pallone tra l’ammirazione dei presenti. La squadra dei militari del “Quartiere” polarizzava l’attenzione pubblica e determinò la nascita di un’altra compagine aversana, che sorse nel rione Limitone, ad opera di Luca Duretto, e prese il nome di Juve Aversa, compagine con la divisa a strisce bianconere. Tra il 1920 e il 1922 le squadre del Quartiere e la Juve Aversa ebbero degli incontri amichevoli, ma la prima gara ufficiale si svolse nel 1923 sul campo neutro di Carinaro alla presenza di un folto pubblico.

I COLORI SOCIALI

Nel 1925 nacque l’Unione Sportiva Aversana, squadra composta dal meglio dei giovani militari e civili. Più tardi la società subirà molte trasformazioni, divenne Associazione Sportiva Aversana, poi Associazione Calcistica Aversana e la squadra, dopo la tragedia di Superga, prenderà la casacca granata, come quella del Grande Torino.

LO SCUDETTO SERIE D

Il giorno 4 maggio 2008, il San Felice Aversa Normanna conquista ufficialmente la promozione in Serie C2, la prima per la città di Aversa, dopo una appassionante finale con il Barletta, distanziato di 1 punto, con un perentorio 2-4 in casa del Bitonto. Il giorno 9 giugno 2008. La San Felice Normanna conquista lo scudetto della Serie D battendo la Fortitudo Cosenza 3 ad 1 nella Finale della Poule Scudetto a Tolentino nelle Marche.

ANNI DUEMILA

Con l’acquisto della società da parte di Giovanni Spezzaferri ed Alfonso Cecere, l’Aversa Normanna cerca di approdare in Serie D. Nella stagione sportiva 2006-2007 l’Aversa Normanna allenata da Luigi Boccolini, sfiora la promozione in Serie C2, piazzandosi al secondo posto ad un solo punto dal Noicattaro ed è eliminata ai playoff per concorrere al ripescaggio in Serie C2. In compenso il 18 aprile 2007, la squadra conquista per la prima volta nella sua storia la Coppa Italia di D, sconfiggendo l’Associazione Calcio Rodengo Saiano per 1-0 sia ad Aversa che in casa degli avversari.

AVERSA NORMANNA NEL SOCIALE

L’Aversa Normanna è una società particolarmente attiva nel campo sociale, distintasi per il sostegno a molteplici iniziative benefiche. La società ha devoluto parte o per intero, l’incasso di alcune partite per beneficenza, come ad esempio l’aiuto alla fondazione Giorgio Lubrano, che ha come scopo l’allestimento di un centro trasfusionale presso l’Ospedale Moscati di Aversa. Attraverso la partecipazione dei propri tesserati, il club granata ha patrocinato iniziative a sostegno della crescita sociale del territorio di appartenenza con eventi musicali e di raccolta fondi. Il club normanno si è inoltre impegnato con diverse iniziative a sostegno delle vittime del terremoto dell’Aquila del 2009, dalla devoluzione degli incassi delle partite alla raccolta fondi.